Ciao, sono Claudia, questo è il mio blog :) Invento storie e scrivo romanzi fantasy, benvenuti nel mio mondo!

domenica 12 agosto 2018

Basso Simone - Barchi Greta - racconti


Dalla scuola D'Azeglio

Basso Simone

Una giornata ad Armonia

Arrivai alla scuola per le otto, ma non c'era nessuno, perché la scuola era iniziata da qualche giorno.
A illustrarmi l'edificio, molto vasto, fu la Preside, dato che gli insegnanti stavano facendo lezione.
La Preside, sulla settantina, aveva una faccia familiare ma non le diedi conto e proseguimmo, fino al condurmi nella mia stanza: era spaziosa e aveva due letti, quindi supposi di essere in stanza con qualcuno.
Dopo aver messo a posto i vestiti e gli oggetti che mi sarebbero serviti per l'anno, bussò alla porta il Prof. Filippo, alto e snello. Mi condusse nella stalla al di fuori dell'edificio, per scegliere il mio animusi, ma, dato che nel tempo si erano tutti schiusi, non potei assistere alla sua nascita. Questo mi dispiacque un po', però ne scelsi uno comunque: era un topogallo verde e blu, molto carino.
Pian piano si avvicinò l'ora di pranzo, e, non avendo fatto ancora amicizia con nessuno, mi sedetti in un tavolo da solo. Pochi minuti prima del pasto mi si avvicinarono tre ragazzi che si sedettero accanto a me. Ci presentammo e di lì a poco diventammo amici. Si chiamavano Marco, Alice e Giulia. Erano molto simpatici e nel nostro chiacchierare scoprii che il mio compagno di stanza era proprio Marco. Dato il mio interesse, chiesi ai ragazzi di parlarmi di ciò che sapevano sulla scuola e le regole da seguire. Di lì a poco arrivammo a parlare della Preside Orchestri: io non sapevo, fino a quel momento, come si chiamava, ma quando sentii quel nome, pensai subito a mia nonna che era scomparsa qualche hanno prima; si chiamava proprio Orchestri. Poi, quando ci pensai un po' su, mi resi conto che quel viso familiare era simile a quello di mia nonna.
Ne parlai con i miei nuovi amici, e decidemmo di arrivare in fondo a questa faccenda, e Marco propose:
- Che ne dite di andare nel suo ufficio stanotte? I dettagli del piano li potremmo approfondire durante l'ora della Prof. Gabaldi, che per fortuna è anziana e non se ne accorgerà!
Giulia gli diede una specie di pacca sulla spalla per quello che aveva detto sulla Prof., ma poi ci ridemmo su e decidemmo che andava bene.
Finita la pausa pranzo, ritornammo nelle classi e ci sedemmo vicini.
Ci scambiammo i piani e decidemmo che, alle ventitré, orario in cui tutti dormivano, saremmo andati nell'ufficio. Ci saremmo visti di fronte alla sala pranzo alle ventidue e quarantacinque.
Finite le lezioni andammo a cena e modificammo gli ultimi dettagli su quello che avremmo fatto.
In seguito, andammo nelle nostre camere, e, appena spente le luci entrammo in azione: eravamo tutti nel punto prestabilito e decidemmo di iniziare l'operazione.
Salite le scale vedemmo la luce di una torcia e ci spaventammo, pensando che fosse un professore. Per fortuna era solo uno studente che andava in bagno, e una volta che se ne fu andato, continuammo il nostro cammino.
Marco:
- Ragazzi, l'ufficio è qui ...entriamo?
Provammo ad aprire la porta ma era chiusa.
Allora Alice propose:
- Io sono appassionata dei film gialli, e di solito la chiave è sotto il tappetino davanti la porta.
Guardammo e trovammo la chiave.
Io:
- Grande!!!
E tutti in coro:
- Shhh! - e io mi scusai.
Una volta entrati chiudemmo la porta dietro di noi, e iniziammo a cercare tra i documenti della Preside.
-Trovato - disse Marco e ci fece vedere un foglio dove c'era scritta la verità: la Preside era mia nonna, ma perché nascondermelo?
Nel tempo che pensai questo si sentì qualcuno che aprì la porta: era la Preside; noi le raccontammo tutto e lei si mise a piangere scusandosi.
- Volevo dirtelo, ma alla (sigh) fine dell'anno - disse - appena ti ho visto (sigh), ti ho riconosciuto subito - continuò.
Anch'io scoppiai a piangere e andai ad abbracciarla.
- Mi sei mancata tanto, perché (sigh) te ne sei andata? - dissi.
- Anche tu, tesoro mio – rispose. - Tu non lo sai, ma la nostra famiglia era povera e l'unico modo per non farvi vivere in povertà era questo. Ho chiesto io ai tuoi genitori di dirti che ero scomparsa per non farti diventare triste.
La riabbracciai di nuovo e poi ci accompagnò nelle stanze e noi ci addormentammo. Quell'esperienza mi cambiò la vita ma le promisi che non l'avrei mai raccontato a nessuno. Quello era l'inizio di un grande anno ad Armonia.



Barchi Greta

La nascita dell’animusi

Stavo entrando in classe, ero in ritardo, il prof. mi guardò male, mi diede l’uovo e mi mandò a sedere. Alla fine dell’ora, andarono tutti a mangiare. Appena finito, andai in cortile e suonai qualcosa al mio uovo.
Passarono due settimane e il mio uovo non si era ancora schiuso; preoccupata mi domandai il perché.
Così andai dal prof. e gli chiesi come mai il mio uovo non si stesse schiudendo.
Lui mi disse di suonare con insistenza perché era risaputo che gli animusi fossero particolarmente sensibili alle melodie.
Il giorno dopo mi svegliai prima del solito, andai in cortile e intonai una nuova canzone.
La sera feci lo stesso prima di andare a dormire; ad un certo punto sentii uno strano rumore, mi guardai intorno, ma non vidi niente. A quel punto capii che era l’uovo che si stava schiudendo, così andai di fretta dal prof, il quale mi ordinò, con tono severo, di andare in camera perché era ora di dormire e non di stare in giro per la scuola.
«All’uovo penserai domani!» mi disse. Ma io ero troppo curiosa e agitata, volevo assistere a tutti i costi alla nascita del mio animusi, così il prof si intenerì e mi disse che avrei potuto restare con lui. Dopo un po’ l’uovo si schiuse e subito uscirono delle piume rosa e bianche: era una cangatta ed era una femmina. La chiamai Bella, ero molto felice e anche molto emozionata.
Il giorno dopo feci vedere a tutti il mio animusi e la mia migliore amica mi disse che era bellissimo.

Allora, vi sono piaciuti? 
Questi e altri divertenti racconti potete trovarli nella raccolta
gratuita l'edizione ebook, a soli € 7.99 l'edizione cartacea.

Lasciate un commento su Amazon per premiare questi fantastici aspiranti autori!
Claudia  

giovedì 9 agosto 2018

La Melodia Sibilante - ebook gratis per qualche giorno


In attesa dell'uscita del nuovo romanzo, invitiamo tutti i nostri amici ad Armonia. (Sito ufficiale)

La Melodia Sibilante ci introduce al lungo viaggio nella Saga fantasy ambientata ad Armonia, la scuola di Musicomagia. (Link Amazon)

Giulia è una ragazza di quattordici anni e sta per cominciare una nuova vita: andrà a studiare ad Armonia e scoprirà che si tratta di una scuola davvero molto speciale. 
Imparerà incantesimi musicali per fare ogni cosa. Al suono del suo flauto potrà curare le ferite, modellare il legno, a far crescere i fiori… E nutrire i magici animusi, creature affascinanti e misteriose nate dalla magia. 
Conoscerà nuovi amici, incontrerà l’amore e scoprirà che un mistero si nasconde nel grande Lago Sussurrante: qualcosa che ha a che fare con suo nonno, ma nessuno sembra volerne parlare. 
Potrebbe essere un pericolo antico che minaccia la scuola? Giulia dovrà affrontare e domare il grande potere che cresce in lei.
Riuscirà a salvare i suoi amici e il suo nuovo e meraviglioso mondo?

La Saga è stata interamente pubblicata e comprende i seguenti romanzi sia in formato ebook che cartaceo:
La Melodia Sibilante (vol.1)
La Melodia Rivelatrice (vol.2)
La Melodia Dominante (vol.3)
La Melodia Creatrice (vol.4)
Sono disponibili due raccolte: Diana e Filippo (spin off) e I racconti di Armonia (episodi e sequel)
La Melodia Vincolante (prequel)


Scaricate, leggete, condividete e fatemi un regalo: lasciate un commento su Amazon, per aiutare nuovi amici a trovare la strada che conduce  ad Armonia! 

Claudia 

martedì 7 agosto 2018

La Melodia della Luce e dell'Ombra in arrivo a settembre - Ecco il primo capitolo



La correzione del nuovo romanzo della Saga di Armonia è alle battute finali! Posso sbilanciarmi e annunciarvi che sarà pubblicato a settembre! 

Intanto oggi, ai più curiosi e a chi non riesce più ad aspettare, propongo la lettura del primo capitolo.

Qui, sul sito di Armonia, trovate l'anteprima.

(Chi ha già letto I racconti di Armonia, lo ha trovato come sorpresa, anche se lì c'era ancora la vecchia versione del titolo "La Melodia dell'Onda")

Dovete sapere che questo primo capitolo l’ho scritto di getto appena terminata “La Melodia Creatrice”. Avevo le lacrime agli occhi e non potevo sopportare l’idea di non rivedere più Giulia e Pietro, così ho immaginato la scena che Giulia aveva appena visto, quasi tre anni fa!
E mi sembra giusto che anche voi possiate leggerla in anteprima.

Buona lettura!
Claudia 

domenica 5 agosto 2018

Chiara Benassi - Un giorno ad Armonia - Vol.2


Chiara Benassi


Chiara è stata una delle prime allieve quando lavoravo nelle scuole elementari facendo i laboratori di musica della Banda Musicale. È una ragazza deliziosa. Ha letto tutti i miei libri e ha partecipato alla raccolta 2017, ma questo racconto è indipendente a quello dell’anno scorso.
TECNO o MUSIMAGO?

Chiara si trovava davanti alla Porta Verde ed era emozionatissima! Stava per iniziare i suoi anni di studio ad Armonia! Ci era stata una volta in visita e già l’adorava!
Attraversò la Porta Verde: senso di vertigini e poi la Preside Orchestri la accompagnò nel Prato Grande. In quel momento pensò che avrebbe anche potuto viverci lì: adorava quella totale immersione nella natura!
Si guardò un po’ intorno: vide il Lago Sussurrante. Aveva sentito parlare di Persi e delle sue avventure con Giulia e Pietro, i suoi beniamini!
Quando si presentò Filippo, Chiara vide che con lui c’era un’altra persona… Non ci poteva credere…!!! Era proprio Pietro!!! Si presentarono anche gli altri professori: Giorgio Verza, la Severini e infine Diana, accompagnata da… Sì, proprio da lei… Giulia!!! Chiara era al settimo cielo: avrebbe vissuto gli anni più belli della sua vita al fianco dei suoi idoli!!
La Preside Orchestri li accompagnò nelle camerate. La sua compagna di stanza si chiamava Rebecca. Era una tipa simpatica, forse un po’ troppo timida, ma Chiara si promise che avrebbe cercato di fare amicizia con lei fin da subito.
Si riunirono, poi, nella Sala Comune dove la Preside lesse le regole della scuola e Filippo diede loro delle uova: “Da questo uovo nascerà un animusi. Per farlo nascere e crescere dovrete suonare della musica di cui si nutre.”
Dopodiché Chiara decise di andarsi a sedere sul Prato Grande, vicino al roseto. Mise la borsa con l’uovo vicino a sé e suonò qualcosa con il suo flauto, poi lo posò e iniziò a cantare…
La sua voce volò lontano, portata dal vento e arrivò alle camerate, dove un ragazzo stava finendo di sistemare le proprie cose. Attirato da quella voce melodiosa, uscì e la seguì fino ad arrivare dove era seduta Chiara. Lei non si accorse di nulla, fino a quando non finì di cantare.
“Sei bravissima!”. Lei si voltò di scatto: non si aspettava che qualcuno potesse sentirla.
“Grazie!” disse leggermente imbarazzata. “Tu chi sei?”
“Riccardo, ma chiamami Riki.”
“Piacere, io sono Chiara. Siediti!” ma appena finì la frase, sentì uno scricchiolio provenire dall’uovo. “Si sta schiudendo!!”
“Di già?! Portiamolo da Filippo! Aveva detto che lo avremmo trovato nelle stalle.”
I due corsero fino ai recinti, cercando di tenere l’uovo il più fermo possibile. Nelle stalle, però, trovarono Pietro che cercò un posto sicuro per l’uovo tra la paglia, disse ai ragazzi di non muoversi e andò a chiamare Filippo.
A Pietro era parso strano che l’uovo si stesse già schiudendo e, quando lo disse a Filippo, anche lui ebbe la stessa sorpresa.
Chiara passò quelle ore con un’ansia peggiore di quella che aveva provato all’esame di terza media, che non era stata poca, poi, dopo due ore da quando erano arrivati lì, una piccola testolina gialla spuntò dall’uovo. Chiara si ricordava perfettamente la descrizione di Filippo nei libri che aveva letto: era un topogallo femmina! “La chiamerò Lady!”. Riccardo si voltò a guardarla: “Come fai a sapere se è maschio o femmina?” e lei gli rispose con naturalezza: “Perché le femmine sono gialle o rosa, mentre i maschi sono azzurri o verdi.”
Tutti la guardarono sorpresi, soprattutto Filippo e Pietro, e lei spiegò: “Ho letto qualche libro, prima di venire qui…” e scoppiarono tutti a ridere.
Quella sera, Pietro raccontò a Giulia quello che era successo e anche a lei parve strano, poi si ricordò di aver sentito qualcuno cantare. Decise che avrebbe parlato con Chiara il giorno dopo.
Nel frattempo Chiara stava nella sua stanza e parlava con Rebecca di Riccardo. “È davvero carino.” disse Chiara. “Però è anche misterioso. Lo avevo notato quando avevamo visitato la scuola, perché, come hai detto tu, è davvero carino, ma stava sempre in disparte” rispose Rebecca. “Sei riuscita a vedere i suoi occhi?”.
“Sì, azzurro ghiaccio. Li adoro!! È un gattufo, vero?” disse Chiara riferendosi al piccolo animusi di Rebecca che si stava divertendo con Lady.
“Sì, l’ho chiamata Kitty.”
“Carina!!”
“Ti ho sentita cantare oggi. Sei bravissima!”
“Grazie!” rispose Chiara, senza l’imbarazzo che aveva provato, quando quel complimento glielo aveva fatto Riccardo, semplicemente perché non era abituata a riceverne dai maschi.
“Va beh, buonanotte!” le disse Rebecca.
“Notte!” rispose lei, ma si addormentò diverse ore dopo.
La mattina seguente, dopo la ginnastica, andarono nella Sala Comune a fare colazione e furono consegnate loro le divise. Chiara suonò un po’ per Lady e poi andò in aula.
Quando fecero l’appello si rese conto di essere in classe con Rudy!! Il figlio di Giulia e Pietro!! Lo guardò e notò che assomigliava davvero un sacco a suo padre. Cavolo…! Era la sua fotocopia! Tranne gli occhi, quelli erano di Giulia.
Dopo pranzo avevano gli allenamenti, lei non era una grande sportiva, quindi decise di non praticare nessuno dei due sport, ma Rebecca adorava la pallavolo, perciò aveva chiesto di entrare nella squadra della Pallasuono, ma andò comunque a vederla giocare.
Poco dopo si sentì chiamare da una voce maschile: Riccardo. “Vedo che ami lo sport come me.” disse lui ironicamente. Chiara rise: “Ero convinta di vederti giocare a Tornado.”
“E invece eccomi qua. Come sta il tuo topogallo?”
“Bene. Il tuo uovo si è schiuso?”
“Non ancora, ci sto lavorando.”
Chiara rise di nuovo. Quel ragazzo misterioso dagli occhi di ghiaccio riusciva sempre a farla ridere. Anche per questo lo adorava!
“Mi piace sentirti ridere.” le disse come se avesse percepito i suoi pensieri. “Io non ho avuto un’infanzia, diciamo, allegra.”
“Perché?”. Lui non rispose e lei lasciò stare.
“Ti va di andare al lago?” le propose ad un certo punto.
“Lo sai che è abitato da un serpesce, vero?”
Lui annuì.
“Bene, andiamo!”
Quando arrivarono al lago, un serpesce, troppo piccolo per essere Persi o Drago, gli corse incontro. “Ciao! Tu devi essere Piccolo!” disse Chiara e, come risposta, lui le girò intorno. “Conosci davvero tutti qui!” le disse Riccardo, lei sorrise e si sedettero sulla spiaggetta.
Dopo un po’ che erano lì, furono raggiunti da Rebecca la quale disse a Chiara che Giulia la stava cercando. Allora lei si alzò e corse verso il campo sportivo.
Chiara trovò Giulia abbastanza facilmente e poi si diressero verso il roseto.
“Io credo che tu possieda un potere che qui nessuno ha o ha mai avuto.” le disse Giulia senza girarci tanto intorno.
“Che tipo di potere?” chiese Chiara.
“La tua voce. Qui tutti i Musimaghi fanno magie suonando il flauto, ma tu hai fatto nascere il tuo topogallo prima del tempo, credo proprio cantando. Voglio provare una cosa.” disse Giulia porgendole un pezzo di legno. “Puoi farmi una scala?”
Chiara soddisfò la richiesta e vide quel pezzo di legno cambiare forma sotto i loro occhi. “Come pensavo: tu hai un nuovo potere che potrebbe essere molto utile qui. Ne parlerò con la Preside e dovrai imparare a controllarlo.”
“Spero di riuscirci… Non sono mai stata molto brava nel controllo delle cose in generale.”
“Stai tranquilla. Ti aiuterò io.”
Detto questo Giulia andò verso l’ufficio della Preside.
La sera Chiara raccontò tutto a Rebecca: “Ma ti rendi conto?! Io ho un nuovo potere!!”
“Sono riuscita a parlare con il bel tenebroso.” disse Rebecca per cambiare discorso.
“Bel tenebroso?”
“Riccardo! Non è carino, è bellissimo!”
Chiara sorrise, ma non disse niente. Anche a lei piaceva da morire, ma non voleva turbare l’entusiasmo dell’amica.
Appena si fu messa a dormire, sentì bussare alla finestra. Si mise a sedere sul letto e vide Riccardo che le faceva segno di uscire. Lei non sapeva cosa fare: da una parte non voleva infrangere le regole, ma dall’altra voleva uscire con lui…
Alla fine decise di uscire. Aprì lentamente la finestra per non svegliare Rebecca, lui le prese la mano e la aiutò ad oltrepassare il davanzale, poi corsero fino al lago.
Il cielo era pieno di stelle e le due lune si riflettevano nell’acqua. “È tutto così romantico!!” pensò lei da sfrenata sognatrice quale era.
Quando arrivarono alla spiaggetta lui si sedette e lei accanto a lui, ma poi Riccardo fece qualcosa che non si sarebbe mai aspettata: la prese in braccio e la fece accomodare sulle sue gambe. Lei non disse niente e ringraziò, col pensiero, il buio della notte che nascondeva il suo rossore.
Lui la guardò, come se la studiasse, ma lei stranamente non si sentì a disagio: aveva uno sguardo che le infondeva sicurezza, così si perse in quell’azzurro infinito, che, col buio, sembrava un po’ più scuro; poi spostò lo sguardo sui capelli lisci e biondissimi, leggermente mossi dalla brezza notturna. Non poté resistere e gli passò una mano tra i capelli. Lui chiuse gli occhi e seguì quella carezza.
Riccardo affondò il viso nel collo di lei e inspirò profondamente: “Sai di mare!” le disse, poi si tirò su di scatto e la guardò seriamente: “Prima di decidere se volermi o no devi sapere una cosa. Ti ricordi quando ti avevo detto che non ho avuto un’infanzia allegra?” Chiara annuì “Tu mi avevi chiesto il perché e io non ti ho risposto.” Lei annuì di nuovo “Ecco… io…” Sembrava in imbarazzo, infatti abbassò lo sguardo. Allora Chiara gli prese il mento tra le dita e lo costrinse a guardarla: “Ehi! Puoi dirmi tutto quello che vuoi. Non devi sentirti a disagio.” Allora lui fece un respiro profondo e le disse: “Il punto è che tu mi piaci, davvero, ed è per questo che è difficile dirtelo.”
“Allora dimmelo e basta!”
“Bene, ma non ti farà piacere.”
“Riki, che succede?”
“Io… sono un Tecno.”
“Cosa?!” Chiara ebbe l’istinto di alzarsi e scappare, ma non lo fece. Non sapeva neanche lei il perché, ma qualcosa nella sua mente le disse di non fuggire e lui ne fu stupito.
“E che ci fai ad Armonia?”
“Sono scappato da Alfa Uno, perché lì non ci sono colori, è tutto così… triste.”
Lei lo guardava con tenerezza. “Come mai non scappi?” le chiese.
“Perché dovrei? Sto bene qui con te.”
Lui alzò lo sguardo stupito e poi lo fece scorrere dagli occhi di lei alle sue labbra: “Quanto vorrei baciarti!”
A queste parole lei si allarmò: “Non ho mai baciato nessuno! Potrei non esserne capace…”
“Nemmeno io.” le disse a poca distanza dalle sue labbra.
Lui appoggiò le sue labbra a quelle di Chiara e lei sentì un brivido correrle lungo la schiena. Le sue labbra erano morbidissime e quello era il bacio più dolce della sua vita e non solo perché era il primo… Avrebbe voluto che durasse per sempre, ma poi lui si staccò e la guardò con finto rimprovero: “E tu non avresti mai baciato?” Lei rise.
“È stato terribile, vero?” chiese lei un po’ preoccupata.
“Scherzi?! È stato bellissimo!!”
Lei sorrise, si appoggiò a lui: “Ti amo.” gli disse. Lui si girò verso di lei: “Anche io. Non sai quanto. Sai all’inizio credevo di essermi innamorato di te solo per la tua voce, ma poi, tutti i momenti che ho passato con te sono stati un’emozione indescrivibile e ho capito che non è stata la tua voce a farmi innamorare di te, ma proprio tu…”
Chiara sorrise: “Hai fatto bene a venire via da Alfa Uno. Tu non c’entri niente laggiù… Sei come una macchia di colore in mezzo alla nebbia.”
“Vedi perché ti amo? Riesci a trasformare tutto in qualcosa di così fantastico solo con una frase.”
Lei sorrise, poi si girò verso il Lago Sussurrante ed ebbe un sussulto: la Luna rossa stava per tramontare, segno che avevano ancora poche ore all’alba e, di conseguenza, alla campana.
Si alzò di scatto dicendo: “Dobbiamo tornare velocemente in camerata! Tra poco si svegliano tutti!!”
Si alzò anche lui e corsero verso le camerate. Si fermarono davanti alla finestra di lei e lui, prima di lasciarla andare, le rubò un altro piccolo bacio veloce, la aiutò a scavalcare il davanzale e poi raggiunse la sua camera.
Prima di addormentarsi, Chiara ripensò a quello che era appena successo e sperò con tutto il cuore che non fosse stato solo un sogno…

Allora, vi è piaciuto? Questo e altri divertenti racconti potete trovarli nella raccolta "Un giorno ad Armonia - Vol.2" - gratuitamente in edizione ebook, a soli € 7.99 l'edizione cartacea.
Lasciate un commento su Amazon per premiare questi fantastici aspiranti autori!
Claudia  

venerdì 3 agosto 2018

Un regalo di mezza estate

Dal mondo della Musicomagia, in occasione del "compleanno" della Melodia Sibilante (4 anni!), ecco a voi, GRATIS, il romanzo: "La Melodia Vincolante". 
(In offerta per pochi giorni, approfittatene!)


Ed ecco alcune card, per invogliarvi alla lettura 😉








Che ne dite?

Fatemi sapere se vi è piaciuto!
Claudia 💖

giovedì 2 agosto 2018

Sei un topogallo o un aquilupo? Scopri che animusi sei 😊



Ecco un test divertente della personalità. Potete guardare il video o leggerlo con calma sul sito ufficiale della Saga di Armonia. Lì trovate anche il file PDF da scaricare con le domande e i risultati.
Condividetelo con i vostri amici e invitateli ad Armonia.

E ora un po' di pubblicità:

La Melodia Sibilante è il primo romanzo della Saga (Link Amazon)
A Prima Vista è un racconto indipendente e GRATUITO ambientato ad Armonia (Link Amazon)

Buon divertimento! 
Claudia 😃

lunedì 30 luglio 2018

I Racconti d Armonia - Accordi e disaccordi

Questo racconto lungo è l'ultimo dei sequel,
è importante leggerlo prima di procedere 
con il nuovo romanzo in uscita 


Accordi e Disaccordi



Eccomi, come promesso, con un nuovo racconto dal mondo della Musicomagia.
L’armonia, intesa come termine musicale, è formata da “accordi”.
Non a caso scelsi questa parola per imprimere alla famiglia Accordi la grande importanza che ha avuto e che continua ad avere nella storia della nostra amata Armonia.
Nello stesso modo il termine “disaccordo” viene utilizzato per indicare sia un gruppo di note che non si accordano armonicamente che una divergenza di idee.
In questo racconto vedremo gli Accordi a confronto. Sappiamo bene che l’accondiscendenza non fa parte del corredo genetico di questa battagliera famiglia. Assisteremo quindi a un incontro/scontro tra due membri della famiglia fondatrice del mondo della Musicomagia.
Chi la spunterà?

1 – Un disequilibrio temporale


Giulia entrò nel palazzo del consiglio della Repubblica. Era stato rinnovato e dipinto di azzurro, su suo consiglio. Un leggero tocco di colore nella grigia realtà di Alfa Uno.
Era dura far cambiare mentalità a quella gente.
«Consigliere Accordi, venga.» Una segretaria, stretta in un abito grigio, le si fece incontro. «Il Presidente la sta aspettando.»
Giulia varcò la soglia dell’ufficio di Igor e non poté fare a meno di ripensare alla prima volta che era stata lì.
Lei e Ross erano stati fatti prigionieri, legati, imbavagliati e portati al cospetto del terribile e glaciale Igor.
«Giulia!» Ed ecco Igor.
Lei alzò lo sguardo e l’espressione tesa del Presidente le fece morire il sorriso sulle labbra.
«Che succede?» Le aveva mandato un messaggero per invitarla a raggiungerlo al più presto. Niente posta incantata, nessun messaggio scritto…
Giulia si era precipitata.
Lui la superò e, dopo aver controllato il corridoio, chiuse la porta e tornò verso di lei.
Le pose le mani sulle spalle e strinse le labbra. «Sei in pericolo.»
Giulia sapeva che Igor non era un allarmista, ma talvolta gli uomini che ruotavano attorno a lei tendevano a sottovalutarla.
«Tuo nonno, tutti i tuoi antenati potrebbero esserlo, quindi anche tu… e tuo figlio.»
Mio nonno?
Rodolfo Accordi era morto, ma…
Avi, discendenti… Mio figlio?
Giulia sentì un’ondata di nausea per l’ansia.
Anche stamattina ho avuto mal di stomaco, non sarà che...
Igor reclamò la sua totale attenzione.
«Ricordi Ted Stone?» Detto ciò fece il giro della scrivania e accese un monitor.
Apparve il volto di un uomo anziano, aveva gli occhi neri e un neo in rilievo a lato del naso. Il suo sguardo era agguerrito, ma i segni del tempo attenuavano l’ostilità che emanava.
È lui il pericolo?
Giulia si concentrò su quel nome.
In realtà non aveva mai avuto a che fare direttamente con lui, ma gliene avevano parlato spesso sia Igor che Alec.
«Era uno dei fedelissimi di Zorac, del primo Zorac. Era anche uno dei pochi a conoscenza del suo cambio di identità.»
Giulia annuì e ascoltò con attenzione, non era da lei sottovalutare la situazione, qualunque fosse.
«Ci ha dato tantissimi problemi, quando tuo nonno aveva preso il potere, lui se n’è subito accorto e abbiamo dovuto tenerlo sedato per mesi. Poi, visto che il Trattato ha abolito la pena di morte, lo abbiamo rinchiuso in un carcere di massima sicurezza.»
Giulia notò il tono di biasimo di Igor, probabilmente avrebbe preferito che fosse stato giustiziato.
«Stavamo per trasferirlo in un pensionato sulla Terra, ma è sparito.»
Giulia sbatté le palpebre confusa. «Sparito?»
Igor si alzò irrequieto e in quel momento Giulia sentì una presenza che le sfiorò la mente.
Tesoro?”
Era Alec, doveva essere lì vicino.
«Non so come spiegarmelo, ma ho una sensazione. Qualcuno lo ha aiutato e credo che abbia aperto un varco temporale.»
....
Ti piace? Questo e altri racconti li trovi nella raccolta "I Racconti di Armonia"
Buona Lettura
Claudia 

domenica 29 luglio 2018

La Melodia della Luce e dell'Oscurità - La Trama


In arrivo il nuovo romanzo dal mondo della Musicomagia, ecco la trama:


Rudy è cresciuto ad Armonia, piuttosto isolato dal resto del mondo. Finalmente è arrivato il momento di iniziare il suo primo anno alla scuola di Musicomagia, assieme a Jiul e Lili, amici di sempre, di ottenere il suo uovo di animusi e di frequentare altri ragazzi della sua età.
I sentimenti che Rudy prova per Lili sono lentamente maturati e cresciuti di intensità, così come il grande potere, ingabbiato dentro di lui quando era piccolo. 
Lui non sa nulla dell’entità delle proprie capacità.
«Egli possiede una mente creatrice, ha in sé il potere di inventare nuovi incantesimi magici! Sarà molto prezioso per noi, dovrà imparare a gestire il suo dono, altrimenti potrebbe essere molto pericoloso.» Queste furono le parole della preside Yamanuelle, quando lui aveva solo tre anni.
Una volta risvegliati i suoi poteri, Rudy non esiterà a fare qualsiasi cosa per aiutare i suoi genitori impegnati in una pericolosa missione sul pianeta Gamma Tre. Ma a quale prezzo?

Che ne pensate? Vi incuriosisce?
Claudia ;)

Corocher Chiara - Casano Sarah - Esposito Eleonora - Filippini Giulio


Corocher Chiara

(Dalla scuola D'Azeglio)

Era una giornata strana, ero agitata ma impaziente di vedere la nuova scuola, nuovi compagni, nuove lezioni, nuovi amici…
«Tutto ricomincia da capo!»
Feci un viaggio molto lungo, la scuola era lontana da Genova ma avevo un po' paura ad arrivare presto, infatti mi sembrò di arrivare in un attimo.
Arrivai, c'era la preside Orchestri ad aspettarmi, salutai i miei Genitori ed entrai…
«Benvenuta Chiara!» mi disse la preside Orchestri con un tono amichevole ed un sorriso smagliante. «Adesso entreremo, i tuoi nuovi compagni stanno mangiando, ci recheremo subito nella sala mensa così ti presenterò...»
Ero agitata ma subito dopo ebbi un senso di vertigine e di vuoto… avevamo attraversato la porta che conduce alla vera e propria scuola.
Ci recammo subito alla mensa, come la preside mi aveva preannunciato… entrammo e quasi nessuno fece caso a me fino a quando la preside non richiamò l'attenzione:
«Un attimo di attenzione...» disse la preside facendo ricadere tutti gli sguardi su di me… «Volevo presentare una nuova alunna, si chiama Chiara, ha 15 anni e inizierà da domani le lezioni di seconda...»
Tutti mi guardavano, mi sentivo un po' a disagio ma subito mi cadde l'occhio su un gruppetto di ragazzi che mi guardavano molto incuriositi… per la precisione mi attirò l'espressione di una ragazzina: occhi grandi e verdi, capelli scuri spettinati e un sorriso un po' strano ma simpatico… aveva un'aria familiare!
«Qualcuno ha un posto per far sedere Chiara?» chiese la preside.
«Sì, vicino a noi!» disse la ragazzina dai grandi occhioni verdi...
Mentre mi avvicinavo al loro tavolo notai un bellissimo ragazzo: capelli biondi, occhi azzurri, che mi guardava con un sorriso a 32 denti...
Arrivai e venni accolta con molta gentilezza mentre la ragazza dagli occhi verdi cercava di rompere il ghiaccio… «Ciao, io mi chiamo Giulia, lui vicino a me è Pietro...» un bel ragazzo che mi fece un sorriso e mi tese la mano dicendomi un divertente e brillante «Piacere!» poi Giulia continuò «...loro sono Camilla, Stefano, Maria, Luca e Arci… il capitano della squadra di Tornado!» mi stavo chiedendo cosa fosse il Tornado ma subito una profonda e dolce voce mi fece voltare:
«Piacere!» disse il magnifico ragazzo afferrandomi la mano per stringermela. In quel momento ci guardammo negli occhi, mi sembrò di perdermi in quegli immensi e meravigliosi occhi azzurri, ma la voce di un professore richiamò l'attenzione:
«Pregherei Giulia e i suoi amici di accompagnare Chiara nella sua nuova stanza e poi di farle fare un giro della scuola!» disse una professoressa dai corti capelli rossi e dagli occhi vispi, così ci alzammo e c'incamminammo.
Il pomeriggio passò veloce insieme a Giulia e i suoi amici che, più o meno all'ora del tramonto, un tramonto che mi sembrò abbastanza strano, mi accompagnarono a prendere un uovo:
«Questo è il tuo animusi!» disse Camilla, la ragazzina con gli occhialoni strambi dall'aria molto simpatica che prima Giulia mi aveva presentato.
«Il mio cosa?» esclamai con aria interrogativa ma curiosa.
«...l'animusi: è l'incrocio tra due animali e si nutre di musica; in questo uovo è contenuto il tuo, che ti accompagnerà per tutto il tuo anno scolastico, ma fa attenzione: potrebbe schiudersi da un momento all'altro!»
Rimasi immobile: cosa voleva dire un incrocio tra due animali?Com'era possibile che si nutrisse di musica? Ma come avrei fatto io da sola a far schiudere un uovo? Ero spaventata e pensierosa.
Poi una mano forte e delicata allo stesso tempo afferrò la mia e mi portò un po' più avanti, era quella di Arci, il magnifico capitano di Tornado. «Probabilmente abbiamo dimenticato di dirti qualcosa…» disse con un tono dolce che mi fece subito calmare.
«...Sai questa è una scuola di Musicomagia
Rimasi immobile, non riuscivo a crederci!
Poi sentii una mano accarezzarmi la guancia, Arci si era accorto di come c'ero rimasta, ma mi disse: «Se vuoi stasera possiamo restare con te per aiutarti nel caso il tuo uovo si dovesse schiudere...»
Ero entusiasta all'idea e tempo che Arci disse quel che aveva detto che tutti furono d'accordo:
«Dormiremo nelle stalle!» disse Giulia.
«Sai, ormai noi siamo esperti, sapremo come aiutarti nel momento in cui il tuo uovo si schiuderà!» disse Pietro con tono rassicurante.
Mangiammo qualcosa velocemente e subito ci recammo alle stalle muniti di coperte, materassini e cuscini....
Quella stanza, anche se un po' fredda, mi ricordava molto un campeggio, così iniziammo a chiacchierare in attesa della schiusa del mio uovo...
«Allora, iniziamo a presentarci per bene...» disse Pietro entusiasta. «Io sono Pietro, esperto di animusi nonché compagno umano di Roccia, il mio maestoso Tartaceronte...»
«Wow!» esclamai entusiasta ed incuriosita.
«...ma non dimentichiamo» continuò sfoderando un sorriso un po' impertinente ma simpatico «...sono anche il fidanzato di Giulia!» si pavoneggiò facendola arrossire e facendo scoppiare tutti a ridere, poi andarono avanti…
«Io sono Stefano, sto facendo un apprendistato per studiare gli animusi...» disse il ragazzo dall'aria amichevole con gli occhiali.
«Io sono Giulia, studio gli animusi e come controllare il contatto mentale, che presto scoprirai che cos'è» disse Giulia con aria divertita.
Poi arrivò il capitano di Tornado, il bellissimo ragazzo che dall'inizio di quella giornata mi aveva molto affascinata.
«Ed io sono Arci, il capitano della squadra di Tornado, un gioco simile all'hockey e per me questo è l'ultimo anno di scuola ma anch'io dall'anno prossimo inizierò un apprendistato per studiare gli animusi!» disse con voce amichevole e profonda.
«Io sono Chiara, vengo da Genova e non vedo l'ora di iniziare a studiare e vedere tutte le cose che state facendo voi e che ci sono qui!» dissi con curiosità e gioia.
I nostri discorsi vennero interrotti da un rumore stridulo, come una porta.
«Si sta schiudendo!» esclamai spaventata.
Tutti mi dissero di suonare delle note acute per dare forza al mio animusi così in poco tempo venne fuori senza paura né fatica.
«Ma è bellissimo!» esclamai commossa, era un tenerissimo Canorso dal manto nero focato… «Lo chiamerò Thor!» tutti ne furono felici e da quella indimenticabile sera nacque la mia forte amicizia con quel gruppo di fantastici ragazzi!

 Casano Sarah - Esposito Eleonora - Filippini Giulio


(Dalla scuola Ansaldo)

Era il primo giorno di scuola ad Armonia e a tutti gli alunni venne consegnato un uovo di animusi.
Emma era una ragazzina alta, magra, con i capelli biondi e gli occhi verdi smeraldo.
Era una persona molto dolce e sensibile e si innamorò subito della scuola di Musicomagia.
Dal suo uovo uscì un pandiglio a cui si affezionò subito .
Il giorno seguente, alla lezione di magia, successe un incidente: Alessandro, il più impacciato della classe, inciampò nei lacci delle sue scarpe, per sbaglio lanciò un incantesimo al pandiglio di Emma e immediatamente l’animusi si sdoppiò.
Uno aveva il carattere dolce e tranquillo, invece l’altro era brusco e birichino.
L’animusi dolce si mise ad abbracciare tutti coloro che vedeva, mentre quello birichino andò in giro per la scuola a fare brutti scherzi a tutti .
La preside si affrettò ad andare nella classe di Emma per una spiegazione. Emma, preoccupata, continuava a chiedere come far tornare normale il suo animusi.
Così, assieme al professore di magia, andarono in biblioteca a cercare un controincantesimo; dopo lunghe ore di ricerche scoprirono che per far tornare normale l’animusi dovevano bagnare i due cloni contemporaneamente con l’estratto di rosa e semi di girasole.
Mentre il professore preparava l’estratto, Emma si affrettò a cercare i due cloni del suo animusi.
La parte dolce era nell’aula di musica mentre quella brusca era nella palestra.
Una volta portati i due animusi in laboratorio, Emma li bagnò con l’estratto e finalmente i due animusi tornarono ad essere il suo unico ed adorato pandiglio!!!  


Vi sono piaciuti? Questo e altri racconti li trovate nella nuova raccolta:
Un giorno ad Armonia - Vol.2 (L'ebook è gratis!) 

Claudia 

domenica 22 luglio 2018

Un Giorno ad Armonia - Vol.2 - Pubblicato!



Cari Lettori, Amanti di Armonia, ma soprattutto, Cari Aspiranti Autori, 
Sono lieta di annunciarvi che la raccolta di racconti è pronta per voi!

Un grazie particolare a Daniela Domenici e Ilaria Vecchietti per aver partecipato a questa iniziativa.

Qui trovate tutti i link per scaricarla gratuitamente in formato ebook.
Da quest'anno Amazon non accetta più la pubblicazione di nuovi ebook a prezzo zero, quindi mi sono organizzata per permettervi di scaricare l'ebook dal mio sito.
Se avete difficoltà a farlo, non esitate a contattarmi.

Vi ricordo che quest'anno è disponibile anche una versione cartacea.
(Ordina il libro cartaceo)

Il prezzo di pubblicazione è di € 7,99 ed  è stato mantenuto più basso possibile, e il ricavato, tolte le spese di stampa, verrà utilizzato per autofinanziare il mio progetto, in modo da continuare a mantenere il laboratorio gratuito e accessibile a tutti.

Condividete questa bella raccolta con i vostri amici e fate un buon viaggio ad Armonia!
Buona Lettura!
Claudia 😊

Godani Matilde - De Robertis Ilenia


Godani Matilde

(Scuola D'Azeglio)

Jennifer, una ragazzina molto alta del terzo anno, stava andando a suonare per il suo gattufo, assieme alla sua migliore amica Alice. I loro animusi, entrambi gattufi, erano sempre molto agitati, proprio come loro che nel tempo libero correvano per sfogarsi. Erano due ragazze solitarie che preferivano la calma e la tranquillità, ma avevano quasi sempre “intorno ai piedi” due ragazzi, Andrea e James.
A Jennifer piaceva James ma preferiva concentrarsi sulla scuola e sulla corsa. Alice e Jennifer prendevano sempre ottimi voti, soprattutto Alice che veniva reputata da tutti la più brava della classe. La scuola offriva la possibilità di fare molti sport come la pallasuono, tornado, pattinaggio sul ghiaccio e la corsa, ma Jennifer e Alice, pur essendo molto sportive, non erano iscritte a nessuno di questi. Quando stavano tornando nella loro stanza vennero fermate dalla professoressa di ginnastica che disse loro:
«Ragazze! A breve si terrà la gara di corsa. Se volete, siete libere di partecipare.»
E poi se ne andò.
Le ragazze si guardarono negli occhi. Due sguardi vuoti ma che si capivano. Volevano partecipare, anche perché non avevano niente di meglio da fare e il vincitore riceveva un flauto nuovo, dove le note uscivano con un suono armonioso, diverso da quello degli altri.
Quando arrivò il giorno della gara Jennifer era entusiasta mentre, invece, Alice era un po' giù di morale poiché le faceva male la gamba, ma lei voleva correre lo stesso. Erano sul campo ad aspettare il fischio di inizio e quando arrivò si vedevano tutti sfrecciare. Jennifer si sentiva libera, aveva gli occhi che le brillavano dalla gioia ed udiva qualcuno che faceva il tifo per lei. Riusciva a vedere lo striscione della vittoria ma quando oltrepassò la riga di fine, lo striscione era già stato strappato da qualcun altro. Lei era arrivata seconda, era sfinita, si guardò alle spalle per vedere dove era Alice, lei probabilmente era arrivata quarta o quinta. Era triste ma fiera di sé. Vide arrivare James che la baciò sulla guancia e poi se ne andò. Andò da Alice per chiederle come stava ma era troppo stanca, quindi le sorrise e basta.

 De Robertis Ilenia

(Scuola Ansaldo)

E ora attenzione, amici, perché Ilenia ci farà provare qualche brivido con il suo racconto horror.

Jennifer e il suo uovo

Jennifer si trovò catapultata in questa nuova realtà scolastica da un giorno all'altro.
La scuola di Jennifer era ad Armonia, dove si studiava la Musicomagia e le giornate scorrevano molto lentamente. Questa scuola era popolata da ragazze e ragazzi della sua età. Appena arrivata le venne assegnata una bella stanza da condividere con altre due ragazze: Annabelle e Alice.
La mattina seguente l'arrivo al college, si ritrovò in una grossa aula ad ascoltare una lezione di chimica che si concluse con la consegna di un uovo ad ogni alunno.
Jennifer, Annabelle e Alice, dopo la scuola, posizionarono le loro uova nella stanza con una lampada puntata sopra per tenerle al caldo.
L'amicizia tra le tre ragazze cresce e si solidifica giorno dopo giorno e tra qualche litigata e qualche risata i giorni della settimana passarono in fretta.
L'uovo dato a Jennifer era un uovo di tartaruga marina e dopo avergli dato tante cure ormai mancavano pochi giorni alla sua schiusa.
Le tre amiche erano in attesa della schiusa delle loro uova e le giornate sembravano non passare mai, aspettando il cucciolo di tartaruga, un pulcino e un cucciolo di lucertola.
La scuola non era molto difficile per le tre amiche che non saltavano mai un giorno e prendevano ottimi voti.
Una mattina di fine inverno, Jennifer venne svegliata da diversi rumori che si rivelarono provenire dal suo uovo.
Erano le 5.30 di mattina e le due amiche dormivano ancora. Jennifer prese l'uovo e lo portò in cucina, ma appena lo appoggiò sul tavolo si schiuse. Con grande meraviglia, ansia e stupore, dall'uovo uscì un animaletto verdognolo con piccoli artigli e con delle ali piuttosto grandi.
La finestra della cucina era aperta e senza che Jennifer se ne accorgesse e senza aver tempo di fare un solo fiato, si sentì tirar via dal colletto della sua camicia verso il vuoto e verso il cielo fuori dalla sua casa.
Chi è che ha rapito la giovane ragazza portandola in alto nel cielo alle prime luci del mattino?
Era la madre del cucciolo che, pochi istanti prima, era uscito dall'uovo e che, tramite l'odore era risalita alla casa dove era presente il cucciolo.
Pensando che Jennifer avesse rapito il suo cucciolo, la prese e la portò in alto sopra le nuvole...
La ragazza ormai aveva perso la voce e le forze per essersi dimenata e per aver urlato a squarciagola.
Il grosso bestione alato aveva gli occhi iniettati di sangue e non voleva saperne della ragazza, le importava solo che avesse rapito il suo piccolo cucciolo. Così all'improvviso mollò la presa e i suoi grossi artigli si aprirono lasciando Jennifer, terrorizzata e con il volto coperto di lacrime, cadere nel vuoto.
Purtroppo ad Annabelle e Alice non rimase altro che celebrare il funerale della loro amica, dopo il funerale tornarono nella loro stanza del college e si accorsero che le loro uova si erano appena schiuse, peccato che dalle loro uova uscirono due esseri verdognoli con piccoli artigli e con delle ali. Le due ragazze erano stupite da quel che avevano appena visto uscire dalle loro uova.
Fuori dalla finestra sentirono come un grosso battito di ali e un verso di animale mai sentito prima, si girarono per vedere e...

Brrr... inquietante, vero?
Spero che questi due racconti vi siano piaciuti. Se è così, lasciate un commento qua sotto, così anche i ragazzi potranno leggerlo! 
La correzione della raccolta è alle battute finali, poi ci sarà l'operazione di impaginazione e, finalmente, la pubblicazione.
Tenete d'occhio il blog!
Per saperne di più sul laboratorio, clicca qui.

Claudia : ) 

venerdì 20 luglio 2018

La Melodia della Luce e dell'Ombra - la cover


Ho terminato da poco la stesura di questo nuovo romanzo che fa parte della Saga di Armonia
Racconta la storia di Rudy, il figlio di Giulia e Pietro, che abbiamo visto nascere nel quarto romanzo "La Melodia Creatrice".

Intanto vi mostro la cover. Siamo tornati al mio stile: rosa, flauto e spartito.
Cosa vi suggerisce quest'immagine?
Armonia verrà avvolta dall'oscurità?

A breve vi rivelerò anche la trama.
Claudia : )

lunedì 16 luglio 2018

La Melodia Sibilante - terzo capitolo

Questo sarà l'ultimo capitolo che posterò pubblicamente sul blog.
Se avete piacere di continuare la lettura collettiva, iscrivetevi al gruppo facebook, vi aspetto!!



Capitolo 3

Il tempo è relativo e anche lo spazio.




Mentre tornavano alle camerate accompagnati da Filippo, Giulia, come d’abitudine, alzò lo sguardo verso il cielo divenuto sereno, era limpido e si vedevano una miriade di stelle. Cercò di orientarsi, ma non riuscì a trovare né l’Orsa Maggiore né Cassiopea e neppure la costellazione di Orione.
Com’è possibile?
Poi Giulia rientrò in camera con il suo piccolo nuovo amico Ciccio. Dopo aver ricevuto un altro bacio della buonanotte da Pietro, si infilò sotto le coperte per dormire quel poco di notte che restava.
Si addormentò con il cuore gonfio di mille emozioni e la mente affollata da dubbi e pensieri.

Quando venne data la sveglia, Giulia aveva dimenticato le sue perplessità. Una campanella cominciò a suonare brillanti rintocchi, dapprima distanziati nel tempo e poi sempre più ravvicinati, fino a diventare uno scampanellio quasi insopportabile. Impossibile che qualcuno in tutta la scuola non si fosse svegliato.
Appena Camilla si alzò, Giulia si precipitò nel suo letto, mostrandole il suo tenerissimo Ciccio. Le raccontò per filo e per segno tutto quello che era successo durante la notte.
«Siete usciti dalla finestra?» ripeté Camilla preoccupata. «Tutta la notte nelle stalle?» Non riusciva a crederci. «Per fortuna dormivo, altrimenti mi avreste trascinato con voi» concluse, accarezzando il morbidissimo topogallo. «Certo che ti ci sei già molto affezionata, io lo avrei lasciato nelle mani esperte di Filippo…»
Poco dopo, erano tutti di sotto nel prato, schierati come aveva detto la professoressa Diana, pronti per fare ginnastica. Era una bellissima giornata, anche se piuttosto fresca. Il cielo era blu, molto intenso e il dolcissimo profumo di rose aleggiava nell’aria. Giulia lo inspirò assaporandolo soddisfatta. Nessuno notò Ciccio che se ne stava ancora nascosto nella borsa porta uovo.
Quando ebbero finito, Giulia si sedette sul prato a gambe incrociate.
Sarà meglio suonare un po’ per Ciccio.
L’erba brillante era fresca e un po’ umida, ci adagiò dolcemente la sua borsa. Tirò fuori il flauto e, dopo le prime note, Ciccio uscì stiracchiandosi. Inevitabilmente, tutti i ragazzi si avvicinarono per vedere il primo cucciolo nato nel nuovo anno scolastico. Lei si sentiva tutti gli occhi addosso, ma non le dava nessun fastidio, anzi era molto orgogliosa del suo piccolino e di come si era comportata in quella situazione. Pietro le si avvicinò molto assonnato. Non le disse nulla, sorrise soltanto, grattò la testa a Ciccio e le lanciò uno sguardo complice e compiaciuto.
«Sto morendo di fame» sentenziò quando Giulia ebbe finito e si avviò verso la Sala Comune.

Fecero una ricca colazione, a base di latte fresco appena munto, fette tostate, marmellata e ogni tipo di frutta. Poi si recarono alla loro prima lezione: “Cura degli animusi”.
Filippo li aspettava sulla porta. Diede una grattatina a Ciccio e una carezza alle teste di Giulia e Pietro. C’era anche la professoressa Diana a dare loro una mano.
«Venite ragazzi. Vi divideremo in gruppi e svolgerete gli stessi lavori a rotazione.»
Giulia rimase con Camilla e altri due ragazzi, due gemelli biondi e lentigginosi. Dovettero occuparsi degli animusi da compagnia degli allievi più grandi.
«Durante la pausa estiva, i ragazzi lasciano i loro amici che trascorrono il periodo di chiusura in un lungo letargo» spiegò Filippo.
Quel pensiero contrariò molto Giulia.
Non mi separerò mai dal mio Ciccio.
Gli animusi da accudire erano suddivisi in tre diverse sale di pensione, una per ogni tipo, in modo che non si infastidissero. Giulia si infilò nella stanza dei topogalli; erano molto più grandi di Ciccio, all’incirca come un coniglietto. Correvano e svolazzavano da tutte le parti, avevano dei colori bellissimi, ogni esemplare aveva infinite sfumature.
«Si sono svegliati da poco e hanno bisogno di mangiare molto» spiegò Filippo. «Quindi mano ai flauti.»
Nel secondo turno furono accompagnati in un’ala della stalla e videro le muccoche.
«Sembrano ippopotami, vero?» disse piano Giulia a Pietro.
«Beh, a parte i piedi palmati e le piume» considerò lui.
«Le nostre amiche sono già state munte per voi a colazione, non potete suonare per loro, perché si nutrono di melodie in fa maggiore.» Filippo diede una pacca affettuosa alla grande schiena dell’animale. «Però potete raccogliere le loro piume e dividerle per colore e grandezza, poi le porterete ai laboratori. Le usiamo per imbottire coperte e giacconi oppure per riempire cuscini e materassi.»
Filippo si spostò di lato e permise al gruppo di sistemarsi in cerchio attorno a lui.
«Le muccoche sono in assoluto gli unici animusi che oltre alla musica mangiano anche del fieno, questo perché sono necessari i loro escrementi per concimare la terra dell’orto.» Qualcuno arricciò il naso. «Un altro compito, forse meno gradito, sarà proprio quello di raccoglierli e portarli con una carriola fino agli orti dal signor Giorgio.»
Nel turno successivo dovettero occuparsi delle gallicore. Erano buffe galline che al posto delle piume avevano una lanugine che ricordava quella delle pecore. Correvano di qua e di là facendo un gran chiasso.
«Un giorno vedremo come si tosano, ma per oggi dovrete raccogliere le uova che loro amano nascondere tra il fieno e poi portarle alle cucine.»
Si divertirono molto e terminarono il loro lavoro tutti ricoperti di fieno.
Un rintocco molto profondo di una grossa campana, annunciò che la lezione era terminata. Giulia, in effetti, si era chiesta come avrebbero fatto a rispettare l’orario, visto che erano privi di orologi. Tutti i loro oggetti elettronici erano rimasti in una stanza al di là della porta verde.
Si diressero verso l’aula uno, avevano lezione di “Teoria della Musicomagia” e Giulia era molto curiosa.
«Giulia!»
Si voltò, Pietro la stava chiamando con una nota di urgenza nella voce.
«Presto, corri!» Lo vide spuntare dalla porta delle stalle.
Corse verso di lui. «Che succede?»
La afferrò per la mano e la trascinò dentro, su un mucchio di fieno era appoggiato il suo uovo, già tutto venato.
«Sta per schiudersi.» Annunciò fiero e si gettò accanto all’uovo.
Con un vigoroso scricchiolio l’uovo si aprì a metà e videro una pallina di pelo color miele che si srotolava e allungava le sue zampette annusando l’aria tutto intorno.
«È un bellissimo canorso.» Filippo lo esaminò, aveva già denti aguzzi e artigli, ma teneva gli occhi chiusi e con quelle minuscole orecchie pareva una talpa. «È un maschio.»
«Tobi» annunciò Pietro orgoglioso, lo prese in mano per dargli un bacio sulla testa poi lo porse raggiante a Giulia e a Camilla che nel frattempo era arrivata.
Filippo gli diede alcuni consigli. «Fallo camminare fin da subito» si raccomandò. «Crescerà molto in fretta e non deve assolutamente abituarsi a essere portato in braccio.»
«Complimenti, è bellissimo» disse Giulia e anche Ciccio camminando sul suo braccio andò ad annusarlo per dargli il benvenuto.
Pietro era commosso, Giulia vide che aveva gli occhi lucidi, così si avvicinò. Le fece tenerezza, era raro vedere un ragazzo commuoversi. Capì che, dietro la facciata, doveva essere molto sensibile. Gli appoggiò la mano sul braccio, lui le sorrise un po’ in imbarazzo, ma poi allargò le braccia aspettando un abbraccio. Giulia non poté fare a meno di accettare l’invito, circondò il suo petto con un po’ di timidezza, ma lui la strinse vigorosamente ridendo e quasi la stritolò.
Giulia si sentiva il cuore gonfio di emozioni, poi si voltò verso Camilla e la incluse nell’abbraccio. «Adesso rimane il tuo uovo.»

Arrivarono all’aula uno per ultimi e si sedettero in fondo alla sala. Inaspettatamente trovarono ad attenderli la preside Orchestri anziché la professoressa Severini.
«Come ogni anno, avrò il piacere di introdurre io stessa la prima lezione di questa importante materia: Musicomagia» scandì fiera.
«Le azioni che riusciamo a fare con la musica del nostri flauti possono essere paragonate a incantesimi di magia» spiegò loro. «Innanzitutto imparerete il potere generale di ogni singola nota. In seguito, tante piccole melodie che possono essere utilizzate per svolgere i vostri primi compiti.»
Giulia era entusiasta.
«Stamattina, per esempio, avete visto le muccoche; imparerete un semplice brano per mungere il loro latte. Poi la melodia per macinare il grano e quella per accendere il fuoco» continuò. «Nel giro di un mese, sarete in grado di compiere i più semplici servizi e presto vi insegneremo come inviare una lettera scritta ai vostri familiari. Essenzialmente, con la Musicomagia, facciamo a meno di tutti i congegni tecnologici che inquinano la nostra concitata vita, sostituendoli con incantesimi dolci e musicali.»
Alle nove, nell’aula accanto, ancora la preside Orchestri, presentò lo studio della sua materia, “Uso coscienzioso della tecnologia” e ripeté in qualche modo gli stessi concetti.
«La tecnologia sta soffocando la creatività delle menti umane. Capirete come distinguere la tecnologia buona, dettata dal progresso e dal miglioramento delle condizioni di vita, da quella che sostituisce o limita l’uso dell’intelligenza e dell’immaginazione.»
Mentre si recavano nell’orto per la lezione di botanica con il signor Giorgio, Giulia restò silenziosa a pensare a quello che aveva ascoltato nelle lezioni teoriche. Le parole della preside l’avevano toccata profondamente e sentiva di condividerle a pieno. Ricordava alla vecchia scuola, come i ragazzi si parlassero solo inviandosi messaggi con il telefonino e di come non riuscissero più a comunicare faccia a faccia, soprattutto a proposito dei loro sentimenti. Una sua compagna era stata lasciata dal suo ragazzo via messaggio.
Che tristezza!
Guardò Pietro senza farsene accorgere, stava facendo le coccole al suo Tobi che spuntava dalla borsa.
Lui non avrebbe mai fatto una cosa del genere.
Lui era diverso dai ragazzi che aveva conosciuto fino ad allora.
Pietro alzò lo sguardo verso di lei e le sorrise. Giulia arrossì e tornò a guardare fisso davanti a sé.

Il signor Giorgio li condusse attraverso l’orto fino alla serra.
«Oggi proveremo a far nascere una margherita.»
Ognuno di loro ebbe un vaso con un semino.
«Dopo aver piantato il seme eseguirete questa semplice melodia.» Il signor Giorgio suono e una piccola piantina crebbe in modo strabiliante, il gambo si allungò e il fiore si schiuse.
I ragazzi rimasero senza fiato.
«Avanti, adesso provate voi
Camilla riuscì alla prima. «Bravissima, Camilla» si complimentò il signor Giorgio.
Anche Giulia riuscì, ma sbagliò qualche nota e il suo fiore crebbe un po’ curvo. Pietro fu un vero disastro, stava pensando alla lezione successiva: pattinaggio, così fece crescere troppo il gambo che si curvò e appassì senza neanche fiorire. I due gemelli lentigginosi fecero nascere due fiori sullo stesso gambo. Mentre Marco, il compagno di stanza di Pietro, fece sbocciare il fiore prima di far cresce il gambo.
«Complimenti a tutti, non dovete scoraggiarvi, in fondo è solo il primo giorno!»
Già, questo giorno sembra non finire mai… È ancora mattina?

La lezione di pattinaggio non fu poi così tragica come aveva temuto Pietro. La professoressa Diana li divise in due gruppi. «Chi sa già pattinare da questa parte. Gli altri stiano ben attaccati alla ringhiera. Per oggi dovrete semplicemente camminare senza cadere cercando di sollevare il più possibile i piedi da terra.»
Pietro guardò le ragazze con aria terrorizzata.
Poi la professoressa si rivolse al gruppo dei più esperti, tra cui c’erano Giulia e Camilla. «Vi insegnerò come partire velocemente da fermi da un punto qualsiasi della pista e come fermarsi completamente, pur procedendo a velocità elevata. Naturalmente dovrete indossare tutti protezioni e caschi.» Qualcuno tornò allo sgabuzzino. «Per bloccare la vostra corsa, dovete fare una mezza piroetta e mettere un pattino di traverso, così.»
Mostrò loro l’esercizio e i ragazzi iniziarono a provare. Ci furono molte cadute. Giulia possedeva un grande equilibrio e riuscì con facilità a imparare il meccanismo della frenata.
Alla fine della lezione la professoressa li richiamò. «Ora faremo una gara di velocità. Schieratevi qui.»
I ragazzi si prepararono.
«Pronti, via!»
Giulia partì, sfrecciò via velocemente e stracciò tutti, battendo il secondo di mezzo giro.
«Sembra che Giulia voli sulla pista!» commentò la professoressa Diana ammirata.
La preside Orchestri li attendeva nella sala musica numero uno. Fortunatamente era vicino al campo sportivo.
«Sono stanchissimo e ho un mal di gambe terribile.» Pietro si lamentò per tutto il tragitto.
Comunque anche Giulia fu felice di sedersi, era incredibile come una sola ora di pattinaggio le fosse parsa così lunga.
Impararono due brevi melodie da suonare ai loro animusi. Tutti sapevano suonare il flauto, ma alcuni non riuscivano a leggere la musica. Anche Giulia faceva confusione con la lettura delle note.
«Ti consiglio di frequentare il corso di recupero con la professoressa Serverini nel tardo pomeriggio» le disse la preside.

A pranzo si abbuffarono tutti quanti, sembravano reduci da un naufragio. Dopo mangiato, andarono sul prato grande a suonare per i loro piccoli amici e a riposarsi.
Finalmente era si è fatto più caldo, stamattina invece l’aria era già molto fredda, per essere ancora a settembre.
Ciccio si addormentò sazio e beato sulla pancia di Giulia che si sdraiò. Osservò il cielo, era di un azzurro intenso, molto scuro per la verità, ma il sole era strano. Nonostante fosse luminoso da non riuscire a guardarlo, sembrava più piccolo e la sua luce azzurrina.
«Fate largo.» Pietro si infilò prepotentemente tra le due ragazze sdraiate, portava in braccio il suo Tobi, lo sistemò sul suo petto e si sdraiò anche lui. Poi infilò le sue braccia sotto le loro teste appoggiate sul prato e le abbracciò. «Come stanno le mie ragazze?» Sorrise impertinente.
Giulia e Camilla si voltarono a guardarlo indispettite. «Che dici?» Camilla gli mollò una gomitata, mentre Giulia scosse la testa esasperata.
Lui rise divertito e regalò loro un bacio sulla guancia. «Vi prego non fatemi del male!» recitò disperato. «Sono stanco morto, non credo che arriverò alla fine della giornata.» E fece finta di svenire senza più muoversi.
Anche Giulia era stanca.
È bello ricevere tutte queste coccole…
Chiuse gli occhi e sprofondò in un piacevole torpore.

«Giulia! Pietro!» La voce di Camilla allarmata li costrinse ad aprire gli occhi e ad alzarsi. Giulia si rese conto imbarazzata che si erano addormentati abbracciati.
«L’uovo!» Finalmente anche l’uovo di Camilla stava per schiudersi.
«Presto, andiamo da Filippo.» I tre ragazzi si diressero di corsa verso le stalle.
All’interno c’era buio e ci volle un po’ perché i loro occhi si abituassero alla penombra. Sopra un mucchio di fieno videro una sagoma, si avvicinarono e scoprirono che era Filippo che dormiva. Provarono a chiamarlo e a scuoterlo leggermente, ma sembrava profondamente addormentato. Giulia ripensò alla notte precedente che il professore aveva passato nelle stalle a lavorare e quella mattina molto presto, era già in piedi, per mungere e nutrire le muccoche.
«Possiamo cavarcela da soli» disse sicura di sé. «Non preoccuparti Camilla. Ti aiutiamo noi.» Guardò Pietro in cerca di una conferma.
Il ragazzo annuì con fare rassicurante.
Appoggiarono l’uovo di Camilla sul fieno e rimasero ad aspettare. Si crearono varie spaccature e si intravide un piccolo batuffolo nero che spuntava. Allungò le zampette dietro, la testa spuntò da un altro buchetto, anche quel piccolo sembrava essere rimasto incastrato. Succedeva spesso, le aveva spiegato Filippo, perché i gusci degli animusi tutto sommato erano piuttosto resistenti.
Senza farsi prendere dal panico, Giulia suonò la stessa canzoncina con le note acute che aveva usato con Ciccio. Pietro e Camilla la seguirono copiando la posizione delle dita sul suo flauto.
Dopo pochi minuti, un piccolo gattufo con grandi occhi gialli si liberava dell’ultimo pezzo di uovo che gli era rimasto sulla testa come cappello.
Camilla smise di suonare, allungò le braccia e strinse a sé l’animale. «Che bella!»
«È una femmina?» chiese sorpresa Giulia.
«Sì, vedi? Ha la punta della coda bianca» spiegò Camilla. «Anche mia mamma ne aveva una, i maschi invece sono sempre tutti neri, la chiamerò Sofi.»
In quel momento il professore si svegliò alzandosi rapidamente un po’ allarmato e confuso. «Che succede? Scusatemi ragazzi, devo essermi appisolato…»
«Non ti preoccupare, è nata una bella gattufo» raccontò Giulia. Poi lo guardò: aveva un’aria stravolta. «Tu lavori troppo» lo rimproverò sorridendogli. «E noi ti aiuteremo.»
Giulia era contenta e fiera di come se l’erano cavata, di slancio abbracciò Filippo che ricambiò e si grattò la testa imbarazzato.
«E va bene, mi farò aiutare da voi.» Filippo sorrise. «Vi siete guadagnati il posto di aiutanti. Venite con me.»
I ragazzi lo seguirono entusiasti.
«Mi aiuterete con le muccoche e le gallicore. Questi compiti solitamente sono svolti dai ragazzi più grandi, ma voi siete davvero in gamba e sarete sicuramente all’altezza.»
Ciccio e Tobi uscirono per conoscere la loro nuova amica. Si annusarono, poi Ciccio si arrampicò sulla schiena di Tobi che correva felice di qua e di là, senza accorgersi del passeggero clandestino. I ragazzi risero divertiti.
Poco dopo arrivarono tutti gli altri ragazzi, le lezioni riprendevano nuovamente con “Cura degli animusi”. Così Filippo li divise ancora in gruppi, ma portò Giulia e Pietro in un’altra stanza, lasciarono Camilla a prendersi cura della sua piccola amica.
«Come vi dicevo stamattina» spiegò Filippo «questi animusi hanno bisogno di melodie in fa maggiore, quindi con il si bemolle in chiave.» Guardò i ragazzi. «Voi conoscete la posizione per il si bemolle sul flauto?»
I ragazzi annuirono, mostro loro come eseguire soltanto la scala dal fa basso fino al fa alto, sostituendo il si con il si bemolle. Giulia e Pietro provarono un paio di volte, appena si sentirono sicuri cominciarono il lavoro.
Gli animusi pascolavano all’esterno in un recinto che dava verso l’orto. Al rintocco della grande campana i due ragazzi si scambiarono un’occhiata d’intesa. Avevano la gola secca per il gran suonare, ma si sentivano molto soddisfatti.

Si affrettarono a raggiungere gli altri nell’aula uno. La professoressa Severini li aspettava per la prima lezione di “Storia della Musicomagia”.
«Le origini della Musicomagia si confondono con la storia della musica stessa» spiegò loro. «Lentamente i primi uomini costruirono degli strumenti per imitare i suoni della natura e si accorsero che la musica riusciva a toccare la loro anima procurando un grande senso di benessere.»
«Troppo noiosa la professoressa...» si lamentò Pietro mentre uscivano dall’aula. «Davvero, sono stato costretto a schiacciare un pisolino.»

«Oggi impareremo una melodia per modellare il legno.» Poco dopo erano già tutti seduti nei laboratori artigianali ad ascoltare il signor Giorgio. «Costruirete una cuccia per il vostro piccolo animusi.»
Prima ascoltarono e impararono il semplice brano musicale. «Adesso immaginate esattamente quello che volete creare e poi prendete un pezzo di legno ciascuno.»
Il signor Giorgio mostrò gli effetti dell’incantesimo. Mentre suonava il flauto, il ceppo levitò e iniziò a vibrare. I suoi contorni si fecero sfocati e sotto gli occhi increduli dei ragazzi si trasformò in una piccola casetta di legno.
Anche quella volta Camilla non ebbe problemi e fece una graziosissima casetta con un buco tondo e un piccolo cuoricino intagliato sul tetto.
Pietro riuscì abilmente a sagomare il suo tronco a forma di cesto per il suo Tobi.
Giulia invece si trovò in difficoltà, avrebbe voluto fare una specie di piccolo nido da appendere, ma assottigliò troppo il legno che si spaccò a metà. Si sentì molto contrariata.
Povero Ciccio, rimarrà senza un nido.
Si alzò per accantonare il suo pasticcio, ma Pietro la fermò e si sedette accanto a lei.
«Aspetta, si può riparare» le disse dolcemente e suonò la melodia che avevano appena imparato. Abilmente, riuscì a modellare il legno ed eseguire esattamente ciò che Giulia aveva in mente.
«Grazie!» Giulia gli sorrise. Si sentiva strana, perché a lei solitamente non piaceva per niente farsi aiutare, ma Pietro aveva un modo di fare molto dolce. Non la faceva sentire inferiore, anzi era come se pensasse che fosse lei a fargli un favore, permettendogli di aiutarla. «Grazie anche da parte di Ciccio» aggiunse.
Sentendosi nominato, il piccolo batuffolino trotterellò fuori dalla borsa porta uovo e si avvicinò alla guancia di Pietro dandogli una leccatina con un leggero squittio.
La lezione successiva, “Studio degli animusi”, toccò ancora all’instancabile Filippo. «I primi Musimaghi, con una difficilissima e potentissima musica magica, crearono gli animusi da allevamento. Unirono in ogni esemplare le caratteristiche di due normali animali. Le muccoche, per esempio, sono frutto dell’unione magica tra le bellissime oche dal bianco manto piumoso e le prolifiche mucche da latte. In questo modo si ottengono i doni dei due importanti animali, da un’unica e utilissima creatura.»
Il rintocco della grande campana fu seguito dai piccoli e brillanti suoni della campanella della sveglia: le lezioni erano finite.
Andarono a mangiare della gustosa frutta dell’orto per lo spuntino. Giulia era stanca e un po’ frastornata dalle tante nozioni e informazioni così insolite che aveva immagazzinato. Quella scuola era veramente pazzesca, inoltre c’era quella costante sensazione di dilatazione del tempo. Ogni lezione durava mezz’ora sulla carta, ma sembrava sempre molto più lunga.
«Allora adesso cosa facciamo? Andiamo di nuovo ad aiutare Filippo?» Pietro si era un po’ ripreso, quando c’erano di mezzo gli animusi il suo entusiasmo saliva alle stelle.
«Io andrò a Pallasuono» dichiarò Giulia, era un po’ indecisa, perché in cuor suo avrebbe voluto andare anche lei dagli animusi, con Pietro… La Pallasuono, però, la incuriosiva, così si decise.
Camilla le aveva anticipato che assomigliava alla pallavolo, ma si giocava con una palla incantata, più piccola e leggera che si doveva guidare con il flauto. Non vedeva l’ora di provare.
«Ancora sport!» si lamentò Pietro. «No, io vado da Filippo.»
«Intanto la Pallasuono è solo per le femmine» spiegò Camilla. «Se proprio vuoi» disse divertita «più tardi c’è il Tornado che è riservato ai maschi. E sai? Si gioca sui pattini!» scherzò.
«Allora mi volete morto!» disse tragicamente fingendo di cadere, come se gli avessero sparato.
«Che pagliaccio!» Camilla scosse la testa.
«Sui pattini? Perché è riservato ai maschi?» chiese Giulia indispettita.
«Mah… Non so, mia mamma diceva che è uno sport un po’ duro» disse Camilla. «Credo che sia ritenuto troppo violento per le femmine.»
Giulia non rispose, ma si sentì infastidita, non sopportava quando c’era qualche discriminazione. Era profondamente convinta che una ragazza in gamba potesse fare le stesse cose di un ragazzo.

Si recarono al campo sportivo.
«Io, per questo primo allenamento, rimarrò a guardare.» Camilla si accomodò sulle gradinate.
Giulia era curiosissima di come si potesse giocare a pallavolo con il flauto, la salutò e corse verso il centro del campo.
Erano cinque ragazze, ovviamente tutte del primo anno, perché le allieve più grandi sarebbero arrivate il giorno dopo. Oltre a Giulia e a Valeria che aveva già conosciuto, c’era Laura, che sembrava la sua ombra, poi due cugine, Maria e Lucia, capelli castani lisci a caschetto, un po’ grassottelle, sembravano due gemelle.
«Conoscete tutte la pallavolo tradizionale?» chiese la professoressa Diana.
Le ragazze annuirono.
«Bene, allora oggi e domani lavoreremo sui fondamentali della Pallasuono con la Musicomagia
Presero i loro flauti.
«Indossate questo guanto nella mano sinistra, servirà per non farlo scivolare durante il gioco.»
Giulia vide che il guanto fissava il flauto alla mano, ma non dava nessun fastidio.
«Cominceremo con la battuta: do alto per quella a campana, mentre il re alto per quella tesa. A turno, una batte e le altre dall’altra parte ricevono con il do basso, ma prima dovrete spostarvi per avere la sfera ben posizionata davanti a voi.»
Provarono con buoni risultati per la battuta, mentre la ricezione si rivelò più complicata del previsto, non era facile correre con il flauto ed emettere una nota bassa con il fiatone.
«È stato fantastico! Mi sono divertita da morire.» Finito l’allenamento Giulia aveva raggiunto Camilla. «Dai, devi provare anche tu!»
«Va bene, ti prometto che domani farò una prova» promise l’amica.

Come le aveva consigliato la preside Orchestri, Giulia si recò alla lezione di recupero con la professoressa Severini. Camilla non ne aveva bisogno, aveva studiato due anni pianoforte, così fece un salto alla serra.
Giulia raggiunse poi Pietro da Filippo. Entrambi la accolsero con molto entusiasmo e Giulia si sentì felice e a suo agio come non le capitava da tempo.
Filippo li portò a vedere i cavalfanti, erano due enormi cavalli con tozze gambe da elefante. «Sono animali docili, ma fortissimi. Essendo così alti, però, sono pericolosi, perché a volte possono schiacciare qualcuno senza neanche accorgersene.»
Insegnò ai ragazzi come strigliarli a mano, finché non avrebbero imparato qualche melodia in sol maggiore.

Quando i due rintocchi profondi della campana della cena risuonarono nell’aria, i ragazzi faticarono ad arrivare alla Sala Comune. Giulia era esausta, considerando che la notte prima, (era solo la notte prima?) non aveva dormito molto, si stupì di riuscire a stare ancora in piedi. A tavola c’era molto silenzio. Tutti terminarono la loro minestra di fagioli, mangiarono la focaccia di sesamo e andarono dritti in camera a prepararsi per la notte. Buona parte delle uova si era ormai schiusa e le borse contenevano quasi tutte i nuovi cuccioli.
Il cielo stava diventando scuro, viola scuro. Giulia provò ancora quella strana sensazione di estraneità. Dopo essersi messa il pigiama ed essere tornata dai bagni si affacciò alla finestra. Pietro aveva promesso che sarebbe andato ad augurare buonanotte alle “sue ragazze”.
Infatti arrivò. Giulia gli sorrise, si stava affezionando a lui, era così espansivo e riusciva sempre a farla sorridere.
In quel momento, dietro a Pietro, vide nel cielo qualcosa che le fece sgranare gli occhi, rimase decisamente scioccata.
La luna che splendeva in cielo era troppo piccola e verdina, ma non solo. Un’altra luna, invece molto più grande stava sorgendo, spuntando dalla collina ed era inequivocabilmente rossa.
Giulia rimase bloccata con il respiro a metà.
«Che ti prende?» disse Pietro preoccupato. «Va beh che sono così splendido da lasciar tutte le ragazze a bocca aperta…» scherzò poco convinto. Seguì il suo sguardo, si voltò e allora capì.
Si avvicinò a Giulia e la scosse. «Vieni andiamo dalla preside Orchestri.» Lanciò uno sguardo a Camilla. «Mi aveva detto di portarla da lei, appena si fosse accorta…» e indicò le lune.
Giulia si lasciò condurre, un’altra volta, sul terrazzo e giù per le scale, fino all’ufficio della preside.

La preside la fece accomodare e le fece bere una tisana.
«Potresti gentilmente dare a Giulia la tua giacca in modo che possa stare più calda?» chiese a Pietro.
Giulia si sentiva come se stesse guardando la scena dall’esterno, una parte di lei era spaventata e incredula, l’altra invece trovava una conferma delle sue sensazioni.
«Come ormai avrai intuito» esordì la preside «Armonia non si trova sulla Terra, ma su di un pianeta lontano con due lune e che orbita attorno a una grande stella, una “gigante azzurra”» raccontò con voce pacata. «Questo sole sembra più piccolo perché effettivamente la distanza che lo separa da noi è maggiore rispetto a quella tra la Terra e il Sole.»
La preside riempì nuovamente la tazza di Giulia e fece una pausa forse per darle il tempo di metabolizzare tutte quelle notizie. «La porta verde è un portale interdimensionale attivato da una melodia a infrasuoni che l’orecchio umano non può udire. Le giornate durano molto di più, quasi il doppio e le stagioni sono invertite rispetto alla zona della Terra da cui proveniamo noi, infatti adesso è quasi primavera e l’inverno stava finendo. Le altre scuole sono distribuite tutte su questo pianeta e hanno accessi simili alla nostra porta verde, in altri paesi, in altre Fattorie Muse sparse sulla Terra.»
Giulia rimase un po’ senza parlare. Pietro le circondò le spalle con il braccio e cercò di scuoterla. Dopo aver bevuto la sua seconda tazza di tisana, lentamente ritornò in sé, ma l’unica cosa che si sentì di chiedere alla preside Orchestri fu: «Perché non me lo avete detto subito?» La sua voce era appena un sussurro.
La preside spiegò. «Preferiamo che gli studenti se ne rendano conto da soli, per poi dar loro tutte le spiegazioni, quando la loro coscienza ha già cominciato a intuire qualcosa.»
Dopo un po’ di silenzio la preside li congedò. «Caro Pietro, potresti gentilmente accompagnare Giulia nella sua stanza?» Poi li rassicurò: «Domani, dopo averci dormito sopra, starà molto meglio.»
Giulia percorse la strada fino alla sua stanza sentendosi spersa. Immaginava di essere su di un minuscolo pianeta lontanissimo dalla Terra e da tutto ciò che conosceva, il braccio di Pietro sembrava l’unica cosa reale e concreta a cui aggrapparsi.
Come in un sogno salì le scale. Camilla, per combinazione, dormiva della grossa, così Pietro fu costretto a infrangere la regola, secondo la quale i maschi non potevano entrare nelle camere delle femmine, e varcò la soglia proibita della finestra.
La fece sdraiare e le si sedette accanto. «Va tutto bene» le sussurrò dolcemente. «Non devi preoccuparti di nulla.»
Ciccio, che era rimasto sul letto nella borsa, uscì immediatamente e si sistemò a dormire sul cuscino, vicino alla guancia di Giulia. Pietro rimase con lei finché non si addormentò, lasciandogli finalmente il braccio.