Ciao, sono Claudia, questo è il mio blog :) Invento storie e scrivo romanzi fantasy, benvenuti nel mio mondo!

sabato 6 marzo 2021

Malatesta Lorenzo - Un Giorno ad Armonia

 

 

  Buongiorno, Cari Amici Lettori, anche oggi torniamo ad Armonia con il racconto di Lorenzo, dalla scuola d'Azeglio di Genova Prato.


 Malatesta Lorenzo


Buongiorno, sono Lorenzo e volevo raccontare il mio primo giorno ad Armonia, scuola di Musicomagia.


Mi sveglio e vado nella Sala Comune dove mi incontro con il mio amico Luca.

La preside annuncia: “Ora vi distribuiremo i flauti, poi ci riuniremo nei corridoi e vi diremo dove andare per la prima lezione”.

Arriviamo nei corridoi e ci indirizzano di fronte a una stalla dove troviamo un signore che dice: “Ciao ragazzi, io sono Filippo e sono il professore di animusi, che sono l’unione di due animali e si nutrono di Musica.” Poi ci fa un cenno di seguirlo e continua: “Esistono tre tipi di animusi: quelli da compagnia, quelli da allevamento e quelli da combattimento”.

Così il professore distribuisce un uovo colorato e una borsa a testa e dice: “Queste sono uova di animusi, trattatele con cura”.

Nell’ora seguente la preside ci insegna a suonare il flauto e, finita la lezione di Musicomagia finalmente, possiamo consumare il pranzo e passare qualche ora in libertà.

Io e il mio amico Luca decidiamo di entrare nella squadra di Tornado.

Abbiamo iniziato gli allenamenti, ci siamo accorti che Federico, il capitano della squadra, non ci ha preso proprio in simpatia e continua a farci molti dispetti. Ad un certo punto entra in campo uno spaventoso canorso che inizia a rincorrere Federico. Facendomi coraggio mi metto tra il capitano e l’animusi e inizio a suonare una fastidiosa melodia col flauto, che fa scappare il canorso. Con questo gesto ho conquistato la fiducia di Federico.

Dopo un’ora di storia della Musicomagia, per andare a cenare affido il mio uovo al professor Filippo, che me lo riporterà prima di andare a dormire.

Finita la cena aspetto pazientemente in camerata, fino a quando Filippo spalanca la porta, con in braccio il mio animusi, e dice: “È bellissimo!! È un gattaquila femmina”.

È veramente molto bello, lo prendo in braccio, lo accarezzo e mi addormento con al fianco il mio nuovo amico che ho deciso di chiamare Luna.



Complimenti a Lorenzo per il suo racconto (e il disegno? Bellissimo!) e anche per essere entrato nella squadra di Tornado. Sei stato molto coraggioso!  Se vi va potete lasciare un messaggio per Lorenzo nei commenti del post.

A presto

Claudia






4 commenti:

  1. Bravo, intelligente e fantasioso... Segni particolari: il miglior nipote ecosostenibile e dolcissimo. Zia Anna

    RispondiElimina
  2. L’orgoglio di essere tua zia è indescrivibile....da questo racconto emergono tutte le qualità ...sensibilità , concentrazione e determinazione ,ce n’è solo una che non emerge ....SEI BELLISSIMO ...tvb Paola

    RispondiElimina
  3. L’orgoglio di essere tua zia è indescrivibile....da questo racconto emergono tutte le qualità ...sensibilità , concentrazione e determinazione ,ce n’è solo una che non emerge ....SEI BELLISSIMO ...tvb Paola

    RispondiElimina
  4. Grazie per i vostri commenti. Lorenzo, sei fortunato ad avere queste zie affezionate che ti sostengono!!

    RispondiElimina